Angelica

Angelica archangelica

Oggi voglio raccontarvi una storia che ha un po’ della favola e un po’ di etnobotanica, una specie che in Italia non troverete - esiste in alcune aree la specie sylvestris - e che gli anglofoni chiamano anche, in gergo, Norwegian angelica, a indicare l'area di provenienza.

Nei paesi scandinavi la pianta ha moltissimi nomi, il che sta ad indicare quanto fosse diffusa e utilizzata:

svedese: fjällkvanne, änglaört, angelika, kvanne (nei dialetti anche kvanna)

danese: kvan, angelik, vandkvan

islandese: ætihvönn, hvönn

sami: boska, fadnu, olbmoborranrássi

sami settentrionale: fádnu, faddnu, rássi

kalaallisut: kuanneq

finlandese: väinönputki, boska

norvegese: kvannjol, jol, kvanj, kvanne, kvannegras, erkeengelurt

faroese: hvon

Il nome più diffuso deriva da kvann, dal protogermanico *hwannō (da cui anche il sami settentrionale faddnu), dal proto-indoeuropeo *ḱwenHdʰ-.

È interessante notare la similitudine di questo nome con queen, "regina", che sta poi per donna (anglosassone cwen "regina, donna che governa uno stato, donna, moglie" < protogermanico *kwenǭ / *kwoeniz, fonte anche dell'antico sassone quan "moglie", norreno kvaen, gotico quens), varianti apofone di *kwenon (fonte di quean) dalla radice protoindoeuropea *gwen- "donna".

Il significato originario sembra esser stato "moglie", in particolare in anglosassone "moglie di un re". In norreno indicava una moglie, come in kvan-fang "matrimonio, prendere in moglie", kvanlauss "non sposato, vedovo", kvan-riki "il dominio di una moglie".

L'inglese è una delle poche lingue indoeuropee ad avere una parola per "regina" che non è un derivativo femminile della parola per "re". Le altre sono scandinave: norreno drottning, danese dronning, svedese drottning "regina", in norreno anche "amante".

Quean "donna giovane e robusta" dall'anglosassone cwene "donna" anche "prostituta" (come in portcwene "donna pubblica") dal protogermanico *kwenon - fonte anche dell'antico sassone quan, antico alto tedesco quena, norreno kona, gotico qino "moglie, donna" - < radice protoindoeuropea *gʷḗn / *gwen- "donna".

La radice protoindoeuropea *gwen- dunque sta per "donna": forma parte di molte parole, ad esempio androgino, banshee, gineco-, ginecologia, ginecomastia, gine-, misoginia... Cfr. balto-slavo *genāˀ, sanscrito janis "una donna", gná "moglie di un dio; dea", lingua dell'Avesta jainish "moglie", armeno kin "donna", greco γυνή (gunḗ) / gyné "una donna; una moglie", antico prussiano genna "donna", gaelico bean "donna", antico sassone cwena, anglosassone cwen, olandese kween ("mucca sterile"), norreno kvenna (> svedese kvinna); slavo *žena (antico slavo ecclesiastico жена (žena), russo жена (žena), celtico *benā (> gallese benyw), proto-albanese *dzwāptnjā, gotico qino "una donna; moglie" e qéns "regina".

La bellezza che mi ha colpito la prima volta che l'ho capito sta nello svedese kvinna, "donna" e non "regina" ma regina lo stesso.

Come l'angelica, chiamata come la donna e diventata "degli angeli", ma comunque epitome del divino.

La radice candita è speciale, il gambo usato come il porro ma dal sentore dolciastro e quasi vanigliato. I fiori, i semi. Tutto nell’angelica è celestiale. Si può usare sia nei dolci che nelle ricette salate, e davvero l’unico limite è la fantasia.

Azienda Agricola Pikniq

di Filomena Valeria Eleonora Matarrese

via delle noci, 7 - Colle Brianza (LC) - Italy

Telefono: (+39) 039 5783445

Per inviarci un messaggio compila il modulo di contatto.

     No

Per poter accedere al modulo di contatto dichiaro di aver prima preso visione, cliccando questo link, di come saranno trattati i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE (GDPR) 2016/679.

Ho preso visione di come saranno trattati i miei dati personali ai sensi del Regolamento UE (GDPR) 2016/679.